VAN GOGH A MILANO, LA MAGIA TRA PIXEL E PENNELLATE

“Per fare un buon lavoro bisogna mangiare bene, avere una casa, godersi la vita di tanto in tanto, fumare la pipa e bere il proprio caffè in tranquillità.”
Con queste parole si apre la futuristica mostra di Vincent Van Gogh, a Milano fino al 09 marzo 2014 alla Fabbrica del Vapore.
Da amante di Van Gogh quale io sono, non posso che consigliarvi al 100% questa magnifica installazione.

VAN GOGH 6Ma come funziona la mostra?
Si entra in una grandissima sala, passando prima in un corridoio completamente nero. Una musica lirica ti accoglie avvolgendoti nella magia delle opere del pittore olandese.
In una fusione di note e pennellate, suoni e immagini, si entra nel mondo del pittore dei Girasoli, dei campi stellati e degli autoritratti psicologici.
Non voglio aggiungere altro, vi lascio con le foto, godetevele! :)

VAN GOGH 18 VAN GOGH 17 VAN GOGH 16VAN GOGH 7 VAN GOGH 5 VAN GOGH 2VAN GOGH 21 VAN GOGH 20 VAN GOGH 19 VAN GOGH 13VAN GOGH 3 VAN GOGH 4 VAN GOGH 12VAN GOGH 8 VAN GOGH 9 VAN GOGH 10 VAN GOGH 11VAN GOGH 22 VAN GOGH VAN GOGH 14 VAN GOGH 15

4 pensieri su “VAN GOGH A MILANO, LA MAGIA TRA PIXEL E PENNELLATE

  1. Sono appena tornato dalla ‘mostra’. Appena sono entrato ho sentito Van Gogh ovunque, ho sentito la violenza delle sue solitarie, marcate pennellate occupare lo Spazio della Fabbrica del vapore deformandolo, mentre il tempo si piegava alla musica di fondo: lo spaesamento era forte. Dopo i primi minuti di questa cascata di colori, è scomparso l’artista: Van Gogh non era più immagine, colore, forma bidimensionale. I suoi dipinti continuavano a scorrere uno accanto all’altro e nessuno di questi era più distinguibile l’uno dall’altro; i dipindi implodevano l’uno nell’altro. Questa iper-esposizione alle sue opere annullava la possibilità di percepire e distinguere la singola opera. L’artista non era più lì, era evaporato facendo posto all’Uomo Van Gogh che risuonava e si contorceva dentro di me.

    Siamo forse di fronte ad una nuova forma d’arte e non ad una semplice installazione. Le potenzialità della ‘tecnica’ che ho visto sono infinite.

    • Non avrei saputo dare una descrizione migliore di ciò che ho provato anch’io!
      Se il filone culturale milanese prenderà esempio da questa mostra, presto potremmo ritrovarci con proiezioni spettacolari sul Duomo! :)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>