STARBUCKS VS LE PAIN QUOTIDIEN

Oggi parliamo di cibo, un argomento che a me piace moltissimo!
Avete presente quando avete una fame tremenda, siete in mezzo ad una città e non sapete più dove andare? Ecco, oggi ho la soluzione per voi!
Quello che generalmente si cerca in situazioni come queste sono dei locali con del buon cibo sfizioso per rifocillarsi dopo ore e ore di shopping, un divanetto/sedia dove sbattersi per riprendersi un attimo dalle fatiche giornaliere e una rete free wifi per poter rimanere sempre aggiornati sugli sviluppi della propria vita.
Se ci sono tutti questi requisiti allora è il posto perfetto per voi!  

Due dei miei brand preferiti che ho visto e frequentato e che trovate sparsi per il mondo sono Starbucks e Le Pain Quotidien. Entrambi possiedono tutti e tre i requisiti che ho citato sopra ma ognuno ha una sua particolarità.
Sturbucks è sicuramente più conosciuto, la fama del frappuccino arriva fin oltreoceano e i muffins di sua produzione sono deliziosi, perfetti per uno snack ultra calorico ma buonissimo!
Le Pain Quotidien è un brand più giovane e offre del cibo più salutare. A colazione le miglior cose sono o il “pan au chocolat” (di cui potete vedere una foto), eccezionale veramente, o un ricco assortimento di pani di tutti i generi ( uvette, noci, datteri..) in cui uno può aggiungere della nutella bio o marmellatine varie. Tutto a una cifra ragionevole che varia dai 3 agli 8 euro. Oltre al cibo anche l’ambiente e l’arredamento aiutano a rilassarsi e a godersi questi meritati 15 minuti di pausa. È estremamente facile incontrare persone col proprio pc intente a lavorare proprio nel tavolino di fianco al vostro o giovani studenti che studiano insieme su un bancone bevendo un caffè.

Quindi, se vi capita di avere un languirono e di non sapere dove andare, questi due posti sono perfetti anche per voi! Provare per credere!

…e voi chi preferite? Fatemi sapere! :)

9 pensieri su “STARBUCKS VS LE PAIN QUOTIDIEN

  1. Avendo qualche anno di più della giovanissima autrice del blog, mi permetto di osservare che tra la “fame tremenda” e il “languorino” ce ne passa. La mia impressione è che Naomi non abbia mai patito davvero la fame e perciò chiama fame tremenda quello che è soltanto un sano appetito. Fatta questa precisazione, ho ammirato il servizio fotografico sui Muffy, che rende bene l’idea di un prodotto casalingo adatto a suscitare un languorino, e anche qualcosa di più. Ma soddosfandolo senza freni, ingerendo in più tutte le altre buone cose anch’esse magistralmente fotografate, si deve anche essere disposti a pagare uno scotto, che può anche risultare abbastanza pesante . E’ l’accumulo di adipe, oltre i limiti classicamente attribuiti a Venere, in quelle zone del corpo di cui si occupano molto i rotocalchi. Apprezzo molto il cenno all’intervallo di relax, che però è salutare solo se non c’è l’interferenza di telefonini o di pc portatili. Per non essere frainteso, concludo augurando a chi ce l’ha BUON APPETITO.

  2. Adoro le pain quotidien, i sandiwich sono buonissimi ed anche i dolci..
    Poi mi piace tantissimo anche Starbucks perchè si può stare lì anche a lungo c’è sempre il wifi e si può anche lavorare al computer, anche quì a parte il caffè, troppo americano, tutto è buono!!

  3. L’importo di 8€ sarà “ragionevole” per te che sei sicuramente una figliadipapa’. Per me che i soldi devo guadagnarmeli facendo l’impiegato postale precario, e’ meglio il “Pain e marmellatt” che mangio dalla Tina che poi e’ mia moglie.

    • Ah carciofaro!!! non è che tutti i momenti devi andare a spendere otto euro per un dolcetto o per una colazione, cioè nel senso, non è che… cioè quando capita un’occasione speciale, o viaggi e ti capita di poter prendere qualcosa che nel tuo paese non c’è puoi permetterti di evitare le solite cartoline e fare “pazzie” assaggiando una brioche, no? e il problema di essere “figli-di-papà” quale sarebbe scusa?
      ps. cioè salutami Tina!

  4. Nao, sono stata a le Pain Quotidien a Manhattan, a colazione con mio cugino Eric; è un posto fantastico, lui vive lì e ci va tutte le mattine…

  5. Ciao Naomi, sono un tuo grande fan da tempo. Seguo il tuo avvincente blog fin dall’inizio. Ogni volta che ti leggo mi appassiono di più. E’ una droga! Lo consiglio agli amici! Infatti sai trattare in maniera pazzesca ogni argomento, con idee e commenti spaziali! Complimenti! Sono sicurissimo che verrai prestissimo assunta da qualche importante rivista. Ma, per piacere, anche quando avrai un lavoro importantissimo continua il tuo blog! Non se ne può più fare a meno! Grazie per i momenti rilassanti e spensierati che doni a tutti noi tuoi affezionati lettori!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>