INTERVISTA A RACHIDA, TRA SELFIE E LIFTING

Ieri ho conosciuto Rachida. Una persona incredibile, assurda direi.
Molte persone la prenderebbero a padellate; molti invece la adotterebbero come zia. Non c’è una via di mezzo: o la si ama o la si odia.
Io la amo, o meglio, sono molto incuriosita da lei. Per questo motivo sono andata al Punto Enel e ho fatto due chiacchere (e un selfie) con lei.
RACHIDA
Continua a leggere

THE VOICE: VINCERA’ CHI PIANGE DI PIU’?

Non riesco a capire come abbia fatto una trasmissione come The Voice ad arrivare alla puntata finale.
Alcuni mesi fa avevo partecipato ai provini e il meccanismo mi sembrava davvero scadente, poco avvincente e, rispetto a X-Factor, davvero inguardabile. Avevo infatti espresso moltissime critiche, che potete leggere qui.
Detto questo, forse mi devo ricredere. Forse questo format in cui sono tutti amici di tutti e le uniche sfide che si vedono sono tra chi piange di più, piace davvero alla gente. A me sembra paradossale: se si toglie il fattore competizione tra squadre da un talent show, rimane solo una gara fratricida tra cantanti della stessa categoria!THE VOICE: VINCE CHI PIANGE DI PIU' 4
Continua a leggere

IL SUCCESSO DI MTV SPIT

Lo ammetto. L’anno scorso, durante la prima edizione di MTV Spit, ero rimasta molto perplessa dal meccanismo del programma e dai personaggi in gioco. Non li capivo proprio tutti questi ragazzi che si insultavano in rima, chiusi in una gabbia.
Ma quest’anno ho deciso di ricredermi; sono andata a vedere la registrazione di una puntata e, inaspettatamente, mi sono divertita davvero tanto!
MTV SPIT 14

Continua a leggere

THE VOICE LIVE: MOLTE PERPLESSITA’

Lo scorso 06 marzo ho assistito  alla registrazione di The Voice, il nuovo talent show di Rai2. Io avevo grandissime aspettative, in fondo con quattro giudici come Raffaella Carrà, Noemi, Piero Pelù e Cocciante, ci si potrebbe aspettare qualcosa di davvero speciale. E invece…la delusione più totale. La puntata che hanno registrato e che (forse) andrà in onda il 06 aprile era la seconda della fase “Battle”: due cantanti della stessa categoria che si sfidano su un ring; molto simile all’ultimo scontro di X-Factor.
Per prima cosa i difetti:

  • lo studio è davvero troppo piccolo per un format come questo. Ci vorrebbero molti più posti per i fans e per avere davvero l’effetto di un pubblico partecipe.
  • I giudici prendono le loro decisione in un tempo incredibilmente lungo. Il pubblico non può aspettare 20 minuti per sapere la decisione del giudice di turno. Le scelte dovrebbero essere spedite, prese con convinzione e non sull’onda dell’emozione momentanea.
  • I quattro giudici tra di loro ci azzeccano come i broccoli a merenda. Zero. La Carrà Nazionale prende tutto troppo sul personale e spesso fa comunella con Cocciante. Noemi e Pelù hanno dei gusti troppo simili e non esitano a nascondere la cosa.
  • Mancano le litigate in stile Arisa-Ventura. Sono tutti buonisti. Mai una critica, mai una frecciatina. Tutto troppo sdolcinato, si rischia il diabete andando avanti così! Il pubblico vuole le botte, i litigi, le discussioni, non i sorrisini e gli abbracci!
  • I cantanti, essendo giudicati solo sulla voce, non hanno presenza scenica, molto spesso hanno anche qualche difetto fisico. Nel complesso sembra di star guardando gli scarti di X-Factor e Amici.
  • Il presentatore, Fabio Troiano, sembra scimmiottare Alessandro Cattelan e Francesco Facchinetti. La sua presenza sul palco è totalmente irrisoria. Inutile.
  • Troppe troppe troppe lacrime. Piangono tutti: il cantante eliminato, il cantante passato, il giudice della squadra, gli altri giudici presi nel consolarsi a vicenda.

THE VOICE Continua a leggere