ASAF AVIDAN: UNA RIVELAZIONE

Da alcuni giorni, sbirciando la classifica dei top singoli di iTunes, ho notato un nome che non avevo mai visto: Asaf Avidan. Strano, mi sono detta, come ha fatto  in poche ore a scalare la classifica dei singoli più venduti pur non essendo Lady Gaga o Vasco Rossi? Allora ho capito che doveva trattarsi  di qualcosa di particolare, di diverso dal solito.
Ho schiacciato “play” e tutti i miei dubbi sono spariti. Quello che stavo sentendo era musica nuova, quasi rivoluzionaria.

No more tears, my heart is dry
I don’t laugh and I don’t cry
I don’t think about you all the time
But when I do – I wonder why

You have to go out of my door
And leave just like you did before

I know I said that I was sure
But rich men can’t imagine poor.

One day baby, we’ll be old
Oh baby, we’ll be old
And think about the stories that we could have told

Little me and little you
Kept doing all the things they do
They never really think it through
Like I can never think you’re true

Here I go again – the blame
The guilt, the pain, the hurt, the shame
The founding fathers of our plane
That’s stuck in heavy clouds of rain.

One day baby, we’ll be old
Oh baby, we’ll be old
And think of all the stories that we could have told.

Asaf ha una storia molto particolare: è nato in Israele nel 1980, a Gerusalemme, e per un paio d’anni ha vissuto in Jamaica. Non a caso nelle sue canzoni possiamo trovare un sound soft, morbido ma accattivante, quasi reggae. Dopo il servizio militare, si è iscritto all’università di Arte e Design di Gerusalemme. Intanto, nel 2000, ha fondato un gruppo che ha spopolato in Israele, gli “Asaf Avidan & the Mojos”. Da pochi mesi, questo gruppo folck rock si è sciolto per far intraprendere ad Asaf la carriera da solista.

In Israele è famosissimo e, date le potenzialità, immagino che lo sarà presto anche in tutto il resto dell’Europa!
Cosa ne dite, vi piace?

3 pensieri su “ASAF AVIDAN: UNA RIVELAZIONE

  1. Un piccolo trucchetto in realta c’è.. La versione che tutti conoscono non è l’originale, ma il remix di Wankelmut, un produttore tedesco di musica techno abbastanza conosciuto in europa. Di conseguenza pochi giorni Il pezzo è finito n. 1 su beatport (la classifica di riferimento per la musica elettronica), e dopo essere stato suonato in tutte le discoteche underground d’europa, è diventato famoso non solo tra gli amanti del genere, e ha scalato anche la commercialissima classifica di itunes. ;)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>